🎯 FACILE
⏱ preparazione e tempi di attesa 1h ・cottura 20 min.
🍏 IG X ・CG X

I jiaozi, chiamati gyoza in Giappone, sono un piatto tradizionale cinese che ricorda i nostri ravioli e i russi pelmeni.

Ingredienti per 2 persone (16 pezzi)

Per l'impasto:
90 ml acqua calda
200 g farina bianca 00
q.b. sale

Per il ripieno:
120 g carne macinata di suino
120 g foglie di cavolo cappuccio bianco (precedentemente cotto) 
1 cipollotto
1 spicchio d'aglio
3 cucchiai salsa di soia
3 cucchiaini olio di semi di girasole
q.b. sale
q.b. pepe

Preparazione dell'impasto e del ripieno

  • impastare nel robot da cucina la farina, il sale e l’acqua, aggiungendo quest’ultima poco alla volta fino ad ottenere un composto ben amalgamato

  • lavorare l’impasto a mano fino a formare una palla compatta e liscia

  • adagiarla in una ciotola di vetro, coprirla con il cellophane alimentare e falra riposare per mezz’ora a temperatura ambiente

  • nel frattempo preparare l’impasto: tritare tutti gli ingredienti finché non diventa un impasto unico e metterlo in frigorifero a rassodare

A
B

Preparazione dei gyoza

  • trasferire l’impasto su un piano di lavoro spolverato di farina e lavorarlo fino ad ottenere un filone spesso 4 cm

  • tagliare il filone in 16 parti e formare delle palline

  • coprirle con il cellophane

  • ora stenderle una ad una con il matterello. Per ottenere dei cerchi perfetti puoi usare un coppapasta (Ø 8-10 cm)

  • riempire ogni disco di pasta al centro con un cucchiaino di impasto, poi bagnarlo leggermente ai bordi per farli aderire meglio

  • infine schiacciare i bordi con la forchetta in modo "sigillarli"  

 

Cottura nella vaporiera di bambù (seiro)

I ravioli possono essere rosolati, fritti o cotti al vapore. In Giappone, la variante più popolare è la versione brasata, che viene chiamata yaki-gyoza . In breve i gyoza vengono prima rosolati su un lato fino a formare una superficie croccante, e in seguito stufati nella stessa padella grazie all'aggiunta di acqua. 
Noi preferiamo cuocere i nostri gyoza a vapore e a questo scopo utilizziamo un cestino di bambù, che può essere eventualmente sostituito da un inserto per la cottura a vapore adatto alla vostra pentola. Questo cestino di bambù si chiama seiro, uno dei mushiki (mushi significa "cuocere a vapore", ki significa "utensile"). Il seiro è fatto normalmente di bambù e viene utilizzato appunto per la cottura a vapore del cibo. In questo metodo di preparazione, i cibi non vengono mai conditi prima della cottura: sale, olio, aceto e altre spezie vanno aggiunti solo dopo la cottura.

  • riempire una pentola con circa 3-4 dita di acqua e portarla ad ebollizione

  • nel frattempo predisporre nella vaporiera di bambù una base di foglie di cavolo atta a proteggere il legno (che poi potrai tranquillamente mangiare)

  • adagiare i ravioli sul manto di cavolo e chiudere il cestello

  • quando l’acqua bolle, posizionare il cestello di bambù sulla pentola e lasciar cuocere per 20-25 minuti

Servi questi bocconcini ancora caldi con una salsa a base di shoyu e aceto di riso per il massimo del piacere! Spesso nella salsa viene aggiunto anche un po' di olio al peperoncino (rayu)!

P.S.: il cestello di bambù non è un piatto da portata e per motivi igienici è consigliabile non condire i gyoza nella vaporiera di bambù. 

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su print

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *